I vari tipi di kayak

Per poter scegliere il kayak che fa al caso nostro è importante conoscere, anche se sommariamente, i vari modelli che esistono sul mercato.
È fondamentale anche considerare l’uso che prevediamo del nostro kayak; se intendiamo usarlo solo per brevi pagaiate o per escursioni più impegnative. In quest’ultimo caso, ad esempio, un kayak fornito di gavoni stagni ci consentirebbe di portare il necessario per poter effettuare delle soste in maniera ottimale (cibo, vestiti asciutti, etc.).
Il kayak perfetto per tutti gli usi non esiste. Ogni scafo ha le sue caratteristiche e di conseguenza un utilizzo specifico per cui è stato progettato. Sempre per fare qualche esempio si consideri che gli scafi più voluminosi, solitamente indicati per essere caricati del necessario per lunghe escursioni o viaggi, possono risultare meno indicati se usati solo per veloci pagaiate. In quel caso uno scafo meno voluminoso (magari anche più stretto e lungo) risulterà sicuramente più performante.
Il kayak è sicuramente l’imbarcazione più “intima” che esiste. Il rapporto che si crea tra l’imbarcazione e il suo pilota è una sinergia incredibile, una vera e propria “fusione vitale”. Gli Inuit lo costruivano su misura, quasi come un abito sartoriale. Infatti, per una scelta corretta del kayak, è giusto acquistare un’imbarcazione proporzionata alle proprie misure, in modo da poterlo quasi “indossare”.  

Le possibilità di scelta sono diverse:

Singolo o doppio?

Se si è in coppia probabilmente vi farete questa domanda.
Il doppio ha alcuni vantaggi rispetto al singolo. È più stabile, data la sua larghezza maggiore. Consente ai principianti, pagaiando con un compagno più esperto, di avere subito una buona confidenza e una maggiore sicurezza (reale o percepita…). In alcuni casi è più facile risalire sul kayak dall’acqua. È più veloce e, se uno dei due kayaker è più forte, le forze si bilanciano consentendo una navigazione più spedita. Con due kayak singoli il meno forte tende a rimanere indietro rallentando l’andatura. Un kayak doppio costa molto meno di due kayak singoli.

Ma ha anche degli svantaggi. Intanto si dipende sempre dalla disponibilità del partner per poter uscire. Durante la navigazione costiera con i singoli si è più liberi di esplorare grotte e anfratti senza doversi confrontare continuamente sulla rotta da seguire. Lo spazio a disposizione nei gavoni è solitamente inferiore rispetto a quello di due singoli. Se i due kayaker sono di due taglie molto differenti sarà difficile che i pozzetti siano comodi per tutti e due mentre nel caso di 2 kayak singoli ognuno acquisterebbe il kayak della giusta misura.

Tradizionale o Sit-On-Top?

Scafo rigido, pieghevole o gonfiabile?